Ozonoterapia Controindicazioni

Ozonoterapia Controindicazioni

Quali sono le controindicazioni alla pratica dell’ozonoterapia? 

Molti ci chiedono se l’ossigeno ozonoterapia ha controindicazioni. L’ozonoterapia è una pratica molto sicura se applicata correttamente e se ad occuparsene è un medico esperto nella tecnica, per altro iscritto a un’associazione scientifica.

Sono poche le condizioni che limitano la pratica all’Ossigeno Ozono Terapia (“Ozonoterapia Controindicazioni”), vediamo insieme quali sono: 

ozonoterapia controindicazioni

Ossigeno – Ozonoterapia Controindicazioni e Raccomandazioni

Controindicazioni:

  • Favismo (Deficit di Glucosio- 6- fosfato deidrogenasi [G6PD]), solo per quanto riguarda la somministrazione sistemica
  • Disordini della coagulazione non controllati
  • Gravidanza
  • Patologia cardio-vascolare acuta in atto

La somministrazione di Ossigeno-Ozono in corso di gravidanza non è una vera controindicazione ma è sconsigliata, nonostante non esistano studi scientifici che ne controindichino l’utilizzo ma, al contrario, sono riportate esperienze positive dell’ossigeno ozono terapia per il trattamento di alcune patologie legate alla gravidanza. Generalmente l’utilizzo dell’ozono terapia in gravidanza è sconsigliato solamente da un punto di vista medico-legale per evitare un contenzioso -oggi- dell’esito dubbio. 

Raccomandazioni:

  • Pazienti in terapia con dicumarolici: si raccomanda di monitorare più frequentemente l’INR in corso di terapia sistemica con ozono
  • Pazienti in terapia con Ace inibitori: in alcuni studi sono stati registrati episodi ipotensivi in pazienti trattati con ACE-inibitori. Tale effetto può essere dovuto all’attivazione della cascata callicreina-chininogeno. In ogni caso, la bradichinina plasmatica è degradata in pochi minuti, dunque è consigliata l’infusione lenta per evitare effetti avversi
  • Anamnesi positiva per epilessia: alcune esperienze hanno testimoniato il possibile scatenarsi di una crisi in concomitanza con la somministrazione (quindi richiede qualche attenzione in più)

5 consigli utili prima e dopo la terapia:

Promemoria per chi si sottopone ad Ossigeno-Ozono terapia

  • Assumere la terapia farmacologia abituale prima di sottoporsi al trattamento con ossigeno-ozono
  • Si sconsiglia di consumare grosse concentrazioni di Vitamine Antiossidanti (Vitamina E e C) nel periodo di trattamento con Ozonoterapia sistemica, può interferire diminuendo gli effetti benefici dell’ozono 
  • Il digiuno non è necessario
  • Portare con sé tutta la documentazione clinica riguardante la problematica per la quale ci si sottopone al trattamento
  • Al termine della terapia con Ossigeno-Ozono si può tornare alle normale attività giornaliere, è da evitare la seduta di fisioterapia o l’attività in palestra nella stessa giornata

“Invece l’ozonoterapia a domicilio si può fare?”

Essendo l ‘ozono un gas instabile non può essere conservato e trasportato, ma deve essere prodotto alla sua utilizzazione da un medico con l’apposito generatore di ozono. Dopo un breve tempo l’ozono (O3) generato torna allo stato originale di Ossigeno (O2)

Quali sono invece gli effetti collaterali o avversi? 

Non ci sono effetti collaterali o effetti avversi gravi o importanti, tuttavia possono (raramente) verificarsi: reazioni vagali, ecchimosi o piccoli ematomi in sede di inoculazione, fastidio o dolore locale lieve e transitorio, tachicardia transitoria. Questi effetti (prevalentemente derivati da un’errata tecnica di somministrazione da parte di operatori inesperti o che non rispettano le linee guida) possono essere considerati trascurabili se comparati con gli effetti avversi o collaterali provocati da farmaci o da pratiche mediche diverse.

Solo la via inalatoria può essere tossica e irritante per l’apparato respiratorio, per questo motivo l’ozono non verrà mai somministrato per questa via.

Leggi l’articolo L’Ozonoterapia ed i suoi effetti collaterali

Ozonoterapia Controindicazioni

L’ozonoterapia è una pratica molto sicura se applicata correttamente. Non ci sono limitazioni di età (anche se in Italia solitamente non viene applicata ai minori), razza o religione. 

Come riportato dalla World Federation of Ozone Therapy che nel 2015 ha redatto una revisione sull’ozonoterapia, “è giunto il momento che il dogma della tossicità dell’ozono sia finalmente chiarito, riconoscendo la sua sicurezza soprattutto in considerazione dei numerosi trattamenti eseguiti a oggi in tutto il mondo”. I rarissimi effetti collaterali (prevalentemente derivati da un’errata tecnica di somministrazione da parte di operatori inesperti o che non rispettano le linee guida) possono essere considerati trascurabili se paragonati a quelli derivanti dai comuni farmaci o da pratiche mediche diverse.